ALTUM PARK a San Desiderio il regno dell’outdoor. Il primo centro polisportivo per gli sport outdoor della Liguria.
Sulle prime colline tra San Martino e la Valbisagno. Tre ettari di bosco, chilometri di sentieri e piste.

TELEFONO:           3755904208

MAIL:           estate@parcosportgenova.it

INDIRIZZO:  Via Pomata 8, San Desiderio (GE)

Rispettiamo davvero la natura!

Condivi su...

Parlare della natura, della salvaguardia dell’ambiente, di un modo di vivere sano ed equilibrato, con stili di vita ed alimentazione corretti, con un’attenzione particolare ai giovani.

E’ stato questo il filo conduttore della rubrica “Sette giorni green” pubblicata ogni sabato, dall’8 maggio, sul nostro sito www.parcosportgenova.it.

Tutte tematiche che fanno parte della filosofia Altum Park di San Desiderio: oltre a proporre sport outdoor ed attività ludico-motoria vuole infatti trasmettere “valori”, nell’accezione più alta del termine, senza retorica ma con gesti concreti, a bambini e ragazzi.

Durante i centri estivi, ad esempio, sono stati sensibilizzati ogni giorno sulla raccolta differenziata: grazie a molti laboratori, in collaborazione soprattutto con Legambiente, hanno imparato a riconoscere la flora e la fauna nei boschi di San Desiderio.

Nel corso delle 21 puntate della rubrica “Sette giorni green” abbiamo fatto una sintesi, “legandoli” fra di loro in modo discorsivo, di circa 100 post di vari soggetti, associazioni, enti locali, siti online, che condividevamo durante la settimana sulla pagina Facebook di Altum Park.

Post che corrispondevano al nostro concetto di “stare in mezzo alla natura”, prima di tutto, essendo noi uomini solo ospiti, rispettandola.

I drammatici avvenimenti delle ultime ore con esondazioni, piogge torrenziali, frane e purtroppo vittime dimostrano ancora una volta che l’Italia e il Mediterraneo, sempre più tropicalizzato, sono diventati pericolosi “Hot climatici”.

Il “Mare Nostrum” si scalda più degli oceani liberando nell’atmosfera una crescente energia termica.

Tifoni con venti fortissimi che si originano sul mare colpiscono con violenza le coste, i nostri territori semre più fragili.

“Sette giorni green” raccoglieva  notizie che magari non si trovano sui media mainstream: spunti, idee, riflessioni, denunce che provenivamo da varie fonti.

Quasi mai le commentavano lasciando il compito al lettore.

Ora dopo 21 puntate la rubrica va in pausa per qualche settimana: torneremo presto con altre news che, speriamo, suscitino interesse e dibattito fra tutti coloro che amano la natura e non si rassegnano all’idea che si possa danneggiarla irrimediabilmente.

 


Condivi su...